Il come della Rosa

E’ possibile che nei presidi organizzati già da domani dalle rappresentanze sindacali dei bancari, a sostegno della giornata di sciopero del 31/10, venga offerta ai passanti, oltre al volantino esplicativo delle ragioni della protesta, anche una rosa.

Un omaggio floreale che i media hanno già ribattezzato “operazione simpatia”, senza sapere, forse, di cogliere un nervo scoperto delle nostre organizzazioni di categoria: sì, perché per quanto brutta s’andasse facendo, negli ultimi venti anni, la situazione all’interno, parlarne al di fuori, spiegare non solo le nostre ragioni ma la progressiva involuzione del settore e del lavoro, era un tabù. Proibito. Sbagliato. Ed infatti. Il nostro contratto sta per essere definitivamente sepolto grazie anche all’assordante silenzio dei grandi comandanti succedutisi via via nelle rispettive plance nazionali.

E non soltanto il loro. Perché, in effetti, proprio così impermeabili e invisibili non siamo: c’è chi ci vede ogni giorno, chi vede in quali condizioni siamo chiamati ad operare e quali responsabilità gravano sulle nostre spalle – a cominciare da quella sacrosanta normativa antiriciclaggio che piace a tutti finché non bisogna firmare un questionario. Sono gli utenti, è la comunità, il territorio. Forse che questo ha cambiato, in quegli stessi maledetti venti anni, l’immagine sprezzante e pregiudiziale con la quale veniamo descritti? No, noi siamo sempre quelli che non fanno un [email protected]##o tutto il giorno, che escono alle cinque dopo essere arrivati in ritardo, che se ne fregano dei problemi del popolo – e via declinando lo sciocchezzaio comodo e strumentale.

Anche questo, ci ha portati qui: deboli all’interno e deboli all’esterno. Malvisti all’interno delle grandi confederazioni sindacali (vuoi mettere quante tessere portano i pensionati? Vuoi vedere che è per questo che i sindacati sono tanto favorevoli agli esodi?); malgiudicati, per pigrizia mentale, da quel territorio che pure da noi pretende quell’impegno che non è disposto a riconoscerci. Così, per ennesimo misunderstanding, le OO.SS. reputano, senza arrossire, che dobbiamo rifarci un’immagine e che per questo basti, galantemente, offrire una rosa. Vorrei dissentire, non tanto sull’eleganza di un omaggio, sul come; quanto sulla scelta, il cosa.

Più che le rose, troverei appropriati i carciofi.