Crea sito

THE TALKING DEAD – ep.1

THE TALKING DEAD

racconto a puntate

episodio 1

Non era una giornata particolare. Per niente. Una calda giornata estiva, più afosa che calda con un cielo lattiginoso e la sensazione di respirare polvere. Una foto sbiadita, una vecchia foto immobile nella sua lenta decolorazione.

Una giornata noiosa, non troppo, non abbastanza. Una giornata insignificante. Una giornata “che-due-palle”.

Proprio alla fine della giornata,  un tramonto così-così, un indeciso imbrunire,  l’uomo esce di casa, accaldato, stanco, in cerca di aria fresca. In cerca di aria. In cerca e basta. Dapprima costeggia il canale ma gli insetti non danno tregua, è il loro regno e la loro ora o più o meno. Quegli insetti sono come la giornata, il canale è acqua stagnante che emana caldo.  E puzza. Oh.

L’uomo si avvia verso la strada provinciale, storcendo il naso; lasciandosi il canale alle spalle. La puzza sembra seguirlo, no, la puzza lo precede, l’aria ristagna come l’acqua ma il movimento al rallentatore delle foglie e dell’erba tenta di dimostrare l’esistenza di un refolo di vento. Adesso l’uomo è certo che la puzza arrivi dalle due figure in controluce morente che avanzano lungo la provinciale. Avanzare è un termine azzardato: procedono barcollando, sembra che si guardino attorno come se si fossero persi.

Stranieri. Nomadi. Gente che puzza, insomma. L’uomo tossisce, grida “Ehi!”, si avvicina minaccioso, gente come quella non dovrebbe essere lì. Nossignore.

“Ehi! Voi!”, urla, ed è già una conversazione, per il suo livello; le due figure esitanti non sembrano neppure accorgersi della sua presenza, del passo di marcia con il quale li raggiunge e nella luce indecisa dell’imbrunire indeciso, alla fine di quella giornata da dimenticare ma non troppo, li vede per quello che sono.

Cadaveri.

(to beeeee continueeeeeeed)

Pubblicato da metallicleft

Nato a Milano nel 1960, diploma di Ragioniere, dal 1981 dipendente di quello che attualmente è uno dei principali gruppi bancari europei - questo, per la superficie. Al di sotto (o di lato), prova a scrivere e disegnare fumetti, sceneggiature per corto e lungometraggi, fino a quando la (quasi per gioco) partecipazione ad un concorso letterario estero per racconti brevi si conclude con un successo: primo premio al 1° Concorso Internazionale di Letteratura Fantastica della Repubblica di San Marino (1997), successo ripetuto nella terza edizione (1999). Più difficile essere profeti in Patria ma dopo debita serie di tentativi a vuoto pubblica il primo full-lenght (romanzo, insomma) nel 2004, "Extreme Defence" cui fa seguito, a maggio 2012 un prequel: "Extreme Defence: Sandriders" (Caosfera Editore). A luglio 2012 ripubblica "Extreme Defence" in versione e-book - e non solo perchè possiede già da anni un Kindle.